2020 - Monaci Benedettini Silvestrini del venerdì 3 giugno 2022

Santi Carlo Lwanga e compagni, martiri

Gesù parla della sua prossima ascensione al cielo, ma le sue parole risultano misteriose ed incomprensibili agli apostoli. Sentir dire dal Maestro: "ora vado da colui che mi ha mandato" genera in tutti loro paura e sconforto; quelle parole sembrerebbero smentire e contraddire altre solenni promesse che avevano ascoltato da Gesù: "Non vi lascia soli!" Egli percepisce che la tristezza ha riempito il loro cuore perché si sentono già soli ed abbandonati. E' difficile per noi comprendere che un distacco fisico e una lontananza incommensurabile non debba significare abbandono e solitudine; anzi Gesù ribadisce: "E' bene che io me ne vada, perché se io non me ne vado, non verrà a voi il Consolatore". Ecco come si perpetuerà la sua presenza, sarà la forza dello Spirito Santo a "convincere" il mondo "quanto al peccato, alla giustizia e al giudizio". La presenza vivificante ed illuminante dello Spirito ci consentirà una verifica circa il peccato come tradimento dell'Amore, generato dall'incredulità, circa la giustizia come atteggiamento di docilità a Dio per essere giusti al suo cospetto e circa il giudizio inteso come rinnovamento della storia con la sconfitta del male. Tutti noi sperimentiamo che quel Gesù che è salito al Padre è più che mai presente nella nostra storia e nella nostra vita.

Valutazione media
5.0 (1)
Quanto hai gradito questo contenuto?
261 Visualizzazioni