Vespri

Liturgia delle Ore

VENERDI
DELLA TERZA SETTIMANA DEL SALTERIO

VESPRI

V   Il Signore sia con voi.
R   E con il tuo spirito.

Se non presiede un sacerdote o un diacono:

V   Signore, ascolta la nostra preghiera.
R   E il nostro grido giunga fino a te.

RITO DELLA LUCE

Cfr. Lc 12, 35. 37

      Accendi nella sera la tua fiamma:
      lunga è la notte.
           Tieni viva la fiaccola
           per il Signore che viene.

V   Beati i servi che al suo ritorno
      troverà vigilanti nella luce.
           Tieni viva la fiaccola
           per il Signore che viene.

      Accendi nella sera la tua fiamma:
      lunga è la notte.
           Tieni viva la fiaccola
           per il Signore che viene.

INNO

Mesto si muore il giorno,
già la notte discende:
a te, Signore che domini il tempo,
devoto sale nel vespero il canto.

Nella tua vigna, o Cristo,
ha faticato il servo:
ora non puoi negargli
la mercede promessa.

Tu che mi hai dato il vigore,
mi doni anche il riposo;
da te, che sei fedele,
il premio aspetto nell'ultima sera.

Si canti eterna gloria
a Gesù Cristo Signore,
al Padre e allo Spirito,
unico Dio nei secoli.   Amen.

INNO

Horis peráctis úndecim
ruit dies in vésperum;
solvámus omnes débitum
mentis  libénter cánticum.

Labor diúrnus  tránsiit
quo,  Christe,  nos  condúxeras;
da iam colónis vínæ
promíssa  dona  glóriæ.

Mercéde quos nunc ádvocas,
quos ad futúrum múneras,
nos in labóre ádiuva
et post labórem récrea.

Sit, Christe,  rex piíssime,
tibi Patríque glória
cum Spíritu Paráclito
in sempitérna sæcula.   Amen.

INNO

Il giorno veloce tramonta,
la notte già scende sul mondo:
Signore, che domini il tempo,
il canto a te sale devoto.

Chiamato da te nella vigna,
il servo ha durato fatica:
ed ora non puoi tu negargli
la gioia del bene promesso.

Sei tu che mi hai dato il vigore
e adesso mi doni il riposo;
aspetto da te, Dio fedele,
il premio nell’ultima sera.

Si cantino gloria e onore
a Cristo Signore risorto,
al Padre e allo Spirito santo,
nei secoli unico Dio. Amen.

SALMODIA

Salmo 134
Lodate il Signore che opera meraviglie

Popolo che Dio si è acquistato, proclama le opere meravigliose di lui che ti ha chiamato dalle tenebre alla sua ammirabile luce (1 Pt 2, 9).

I (1-12)

Ant. 1   Lodate il nome del Signore, *
             lodatelo, servi del Signore.

Lodate il nome del Signore, *
     lodatelo, servi del Signore,
voi che state nella casa del Signore, *
     negli atri della casa del nostro Dio.

Lodate il Signore: il Signore è buono; *
     cantate inni al suo nome, perché è amabile.
Il Signore si è scelto Giacobbe, *
     Israele come suo possesso.

Io so che grande è il Signore, *
     il nostro Dio sopra tutti gli dèi.

Tutto ciò che vuole il Signore lo compie, †
     in cielo e sulla terra, *
     nei mari e in tutti gli abissi.

Fa salire le nubi dall'estremità della terra, †
     produce le folgori per la pioggia, *
     dalle sue riserve libera i venti.

Egli percosse i primogeniti d'Egitto, *
     dagli uomini fino al bestiame.
Mandò segni e prodigi in mezzo a te, Egitto, *
     contro il faraone e tutti i suoi ministri.

Colpì numerose nazioni *
     e uccise re potenti:
Seon, re degli Amorrèi, Og, re di Basan, *
     e tutti i regni di Cànaan.

Diede la loro terra in eredità a Israele, *
     in eredità a Israele suo popolo.

Gloria al Padre e al Figlio *
     e allo Spirito santo.
Come era nel principio e ora e sempre *
     nei secoli dei secoli. Amen.

Ant. 1   Lodate il nome del Signore, *
             lodatelo, servi del Signore.

II (13-21)

Ant. 2   Sacerdoti del Signore, benedite il Signore; *
             voi che temete il Signore, benedite il Signore.

Signore, il tuo nome è per sempre; *
     Signore, il tuo ricordo per ogni generazione.

Il Signore guida il suo popolo, *
     si muove a pietà dei suoi servi.

Gli idoli dei popoli sono argento e oro, *
     opera delle mani dell'uomo.
Hanno bocca e non parlano; *
     hanno occhi e non vedono;

hanno orecchi e non odono; *
     non c'è respiro nella loro bocca.
Sia come loro chi li fabbrica *
     e chiunque in essi confida.

Benedici il Signore, casa d'Israele; *
     benedici il Signore, casa di Aronne;
benedici il Signore, casa di Levi; *
     voi che temete il Signore, benedite il Signore.

Da Sion sia benedetto il Signore *
     che abita in Gerusalemme.

Gloria al Padre e al Figlio *
     e allo Spirito santo.
Come era nel principio e ora e sempre *
     nei secoli dei secoli. Amen.

Ant. 2   Sacerdoti del Signore, benedite il Signore; *
             voi che temete il Signore, benedite il Signore.

PRIMA ORAZIONE

O Dio, che hai debellato il potere delle tenebre
e reso forti e animosi i tuoi servi
nella battaglia della vita,
abbi pietà di noi;
non lasciare che ci ingannino gli idoli vani,
ma donaci di benedire il tuo nome in eterno
nel possesso della tua eredità.
Per Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore e nostro Dio,
che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito santo,
per tutti i secoli dei secoli.

CANTICO DELLA BEATA VERGINE MARIA

Lc 1, 46-55
Esultanza dell'anima nel Signore

Sia in ciascuno l'anima di Maria a magnificare il Signore, sia in ciascuno lo spirito di Maria a esultare in Dio (S. Ambrogio).

Ant.   Il Signore ha soccorso Israele, suo servo, *
          ricordandosi della sua misericordia.

L'anima mia magnifica il Signore *
     e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà  della sua serva. *
     D'ora in poi tutte le generazioni
          mi chiameranno beata. 

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *
     e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia *
     si stende su quelli che lo temono. 

Ha spiegato la potenza del suo braccio, *
     ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni, *
     ha innalzato gli umili; 

ha ricolmato di beni gli affamati, *
     ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *
     ricordandosi della sua misericordia, 

come aveva promesso ai nostri padri, *
     ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre. 

Gloria. 

L'anima mia magnifica il Signore.

Ant.   Il Signore ha soccorso Israele, suo servo, *
          ricordandosi della sua misericordia.
          Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison.

SECONDA ORAZIONE

O Dio, che ti sei rivelato
vigore, vita e risurrezione delle tue creature,
ispiraci la fermezza nella fede
e non negarci i doni necessari alla salvezza.
Per Cristo nostro Signore.

COMMEMORAZIONE DEL BATTESIMO

Lo Spirito ci ha resi per adozione figli di Dio, l’onda del sacro fonte battesimale ci ha purificati, il sangue del Signore ci ha redenti (S. Ambrogio).

R   Chi nel sangue immacolato dell’Agnello
      ha lavato le sue vesti,
      entri e sieda nella sala del convito,
           dove Cristo accoglie in festa.

V   Chi alla luce sfolgorante della Pasqua
      la sua lampada ha riacceso
      e con l’olio della fede l’alimenta,
           corra lieto incontro a Cristo.

Orazione

Dà alla tua Chiesa, o Padre,
di fuggire ogni azione ingiusta
e di non avere mai parte alcuna
nei disegni degli iniqui
perché, santificata dal tuo Spirito,
si affidi a te con animo puro
e si senta in ogni tempo
sorretta dalla tua misericordia.
Per Cristo nostro Signore.

INTERCESSIONI

Invochiamo il Signore Gesù
che, nel misterioso piano della divina sapienza,
è stato consegnato alla morte per i nostri delitti
ed è risorto per la nostra santificazione:

       Abbi pietà di noi.

Tu che hai il potere di perdonare i peccati,
     cancella le nostre colpe.

Redentore del mondo,
converti il cuore del malvagio
che distrugge per egoismo i beni naturali
e non ricerca il bene comune;
     - vinci ogni durezza dell’animo
       e ridona il desiderio della giustizia.

Tu che tutti hai chiamato al pentimento,
     - donaci di riconoscere i nostri errori,
       perché sia mutata la nostra vita.

Concedi pazienza e fortezza interiore
     - a quanti associ nella sofferenza
       al mistero della tua croce.

Tu che al ladro pentito hai aperto il paradiso,
     - accogli nella tua casa
       i nostri fratelli defunti.

Fiduciosi di essere esauditi,
così supplichiamo il nostro Dio:

Padre nostro.

CONCLUSIONE

Per la conclusione dei Vespri si danno due casi:

A)
Se la celebrazione è presieduta da un sacerdote o da un diacono, la conclusione si fa col saluto e con la benedizione in questo modo:

V   Il Signore sia con voi.
R   E con il tuo spirito.
      Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison. 

V   Vi benedica Dio onnipotente, Padre e Figlio e Spirito santo.
R   Amen. 

Si possono anche usare le forme di benedizione più solenni come è detto nel Messale.
Se si congeda l’assemblea, si aggiunge l’invito: 

V   Andiamo in pace.
R   Nel nome di Cristo. 


B) Nella celebrazione individuale o quando non presiede un sacerdote o un diacono, si conclude con la formula seguente:

V   Il Signore ci benedica e ci custodisca.
R   Amen. 

oppure:
V   La santa Trinità ci salvi e ci benedica.
R   Amen.